Nuovo DPCM: come comportarsi all’interno di un veicolo

mascherina-auto

Con l’ultimo DPCM, quello del 18 ottobre 2020, l’attuale Governo Conte bis non ha aggiunto nulla di nuovo per quel che riguarda il settore automotive rispetto alle misure anti-contagio da Coronavirus approvate già ad Agosto e ribadite con il penultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Infatti, benché nel testo del provvedimento datato 13 ottobre 2020 non vengano espressamente menzionati i veicoli – ma si parla più in generale di «luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private» –, resta chiaramente in vigore l’obbligo di indossare la mascherina anche durante l’utilizzo dei propri mezzi privati, come auto o moto, quando gli occupanti non sono tutti conviventi (ossia quando non si tratta di persone che fanno parte del medesimo nucleo familiare o che condividono la stessa abitazione).

Di conseguenza, nelle moto e nelle auto omologate per due persone si può trasportare solo un convivente. Invece, nelle auto con la presenza di sedili posteriori ci si può spostare:

  • in due, se si ha una vettura a quattro posti (il guidatore nella parte anteriore più un passeggero che deve sedersi dietro);
  • in tre, se si ha una vettura a cinque posti (il guidatore nella parte anteriore più due passeggeri che devono sedersi entrambi dietro);
  • oppure in quattro, se si ha una vettura a sette posti (il guidatore nella parte anteriore più due passeggeri nella fila posteriore da tre posti e uno nella fila posteriore da due posti).

I passeggeri dunque non possono mai essere oltre due per ciascuna fila di posti e devono comunque accomodarsi facendo in modo di mantenere la massima distanza possibile.

Le stesse norme di comportamento valgono anche per i veicoli commerciali dove è sempre obbligatorio indossare la mascherina (coprendo bocca e naso) e disporsi in file separate per ottenere un adeguato distanziamento nel caso in cui ci si trovi a dover condividere con un collega uno spostamento in un mezzo consono (come negli autocarri che dispongono di un’unica fila a tre posti in cui basta lasciare libero il posto centrale). Ciò risulta impossibile ad esempio nei furgoni compatti a due posti, adoperabili solo dal conducente stesso.

È bene sottolineare di nuovo che, naturalmente, nel caso a bordo vi siano persone conviventi (siano esse familiari, congiunti o coinquilini), non vale nessuno dei limiti e degli obblighi appena osservati.

Si ricorda inoltre che sono esclusi dall’obbligo i bambini sotto i 6 anni e i soggetti con patologie e disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

In conclusione, per chi dovesse violare le regole suddette sono previste le multe sottoscritte nel decreto-legge n.19 del 25 marzo 2020 sul mancato rispetto del distanziamento sociale elevate di un terzo perché la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo. Quindi le sanzioni nonvanno dai classici 400 ai 3.000 euro, bensì da 533 a 4.000 euro. Meglio non rischiare!

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial